I piccoli editori piemontesi in prima linea con Èdito Festival

Gli editori indipendenti, “artigiani” del libro in Piemonte, si sono riuniti e hanno proposto Èdito Festival, un progetto del Comitato Editori Piemonte e di Yume edizioni con il contributo della Regione Piemonte. Il prossimo appuntamento si terrà sabato 21 ottobre dalle 15 alle 19 nella sede dell’Associazione Cultura e Sviluppo. Èdito festival itinerante vuol far incontrare i lettori, gli autori e gli editori. La novità della manifestazione consiste nel realizzare brevi laboratori in cui si spiega ai lettori e ai possibili autori come si realizza un libro. In pratica, laboratori, libri e festa si mescolano, accorciando le distanze tra chi scrive, chi edita e chi legge. Agli incontri intervengono competenze diverse: editori, scrittori, giornalisti, attori, grafici, illustratori, editor e stampatori. Si spiegano le tecniche e i modi del bello scrivere. L’esperienza di chi lavora nel settore viene condivisa con il pubblico e con chi aspira ad entrare nel mondo dell’editoria.

“Si vuole innanzitutto andare incontro ai giovani lettori. Infatti per ‘in-contro’ intendiamo un ‘mettersi di fronte’ al mondo del libro, per poterlo conoscere meglio, per mettere le mani in pasta e viverlo appieno. È anche un’occasione di scoprire il backstage della piccola editoria e le eccellenze che si celano tra questi professionisti. Il luogo, la territorialità è molto importante per Èdito festival itinerante – spiegano gli organizzatori del Festival – Infatti, in questo anno di attività ogni tappa del festival si è svolta in un luogo diverso, Piemonte e Liguria, talvolta in sinergia con altre manifestazioni culturali riguardanti il libro e i temi della cultura, spaziando tra eventi della tradizione territoriale, laboratori teatrali, linguistici e di grafica per bambini… Come in un caleidoscopio, abbiamo esplorato i molteplici colori e sfaccettature del percorso che porta alla realizzazione di un libro e al piacere di averlo tra le mani e sfogliarlo”.

Ecco il programma completo

Lascia un commento