Calendario

 

Nov
5
Gio
2015
Giovedì Culturali – Riforma della giustizia: è la vera svolta? @ Cultura e Sviluppo
Nov 5@18:00–21:30

Proseguono gli incontri dei Giovedì Culturali sul tema delle riforme. Il problema della giustizia, e in particolare di quella penale, è sempre al centro del dibattito politico e sociale italiano. Il Governo Renzi, come aveva promesso, ha messo mano alla riforma della giustizia con un provvedimento già approvato dalla Camera e oggi in discussione al Senato. Diversi i punti che trovano una dura presa di posizione da parte dell’Associazione Nazionale Magistrati che si sente “delegittimata” dall’attuale Governo proprio in ragione di questa riforma.

Per spiegarci in che cosa consista il nuovo pacchetto di norme avremo tre ospiti autorevoli. L’on. Anna Rossomando, avvocato, deputato del PD, fa parte della Commissione Giustizia alla Camera e quindi ha seguito in prima persona i lavori. Per comprendere invece le ragioni delle critiche a questa riforma, offrirà spunti di riflessione il dottor Armando Spataro, Procuratore Capo della Repubblica presso il Tribunale di Torino, magistrato di grandissima esperienza, molto impegnato nella lotta alla criminalità organizzata da quando era alla Procura di Milano, già componente del CSM. L’avvocato Giulia Boccassi, Presidente della Camera Penale di Alessandria, spiegherà il punto di vista dell’avvocatura.

Vi invitiamo dunque

GIOVEDÌ 5 NOVEMBRE 2015
ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30)

alla conferenza dal titolo

RIFORMA DELLA GIUSTIZIA: È LA VERA SVOLTA?

Nostri ospiti saranno

ANNA ROSSOMANDO
deputato, componente della Commissione Giustizia alla Camera

ARMANDO SPATARO
Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Torino

GIULIA BOCCASSI
avvocato, Presidente della Camera Penale di Alessandria

 

Nov
24
Mar
2015
Bosnia vent’anni dopo – riflessioni e testimonianze @ Cultura e Sviluppo
Nov 24@20:00–22:00
Apr
7
Gio
2016
Giovedì Culturali – La febbre mediatica giudiziaria: dal caso Tortora ai giorni nostri @ Cultura e Sviluppo
Apr 7@17:00–20:30

Il tema della “giustizia spettacolo” è un argomento che ha attraversato gli ultimi trent’anni della nostra storia, a cominciare dagli anni ’80 con il caso Tortora per passare poi agli anni ’90 con Tangentopoli e arrivare al nuovo millennio con le vicende legate a Silvio Berlusconi e ai casi di cronaca nera. Gli addetti ai lavori, avvocati, magistrati e giornalisti, spesso si sono interrogati sulle modalità di presentazione da parte della stampa sia dei temi della politica giudiziaria sia di singole vicende, intravedendo da sempre i pericoli per i diritti del cittadino rappresentati – anche all’interno delle dinamiche processuali – dalle subdole modalità con cui, a volte, l’informazione interviene su temi legati alla giustizia.

La stampa (tramite prese di posizione o interviste “mirate”, la pubblicazione di atti e intercettazioni, la prassi della “fuga di notizie” etc.) riesce spesso a condizionare singole vicende giudiziarie. Pubblicare una posizione piuttosto che un’altra, fare filtrare una notizia in un certo momento, assicurare uno spazio di intervento a un soggetto del panorama giudiziario invece che a un altro riesce a “formare” l’opinione pubblica, a indirizzarla, a farle assumere determinate posizioni. In certi limiti tutto questo è ovvio e, per la parte “fisiologica” del fenomeno, corrisponde al compito, sacro, dell’informazione. Ma tutti sappiamo, nel contempo, che in Italia il confine della fisiologia, sul tema dell’informazione giudiziaria, viene spesso varcato per divenire una “patologia”.

Per discutere di queste tematiche Vi invitiamo

GIOVEDI 7 APRILE 2016
ORE 19.00 – 22.30 (con pausa buffet alle ore 20.30)

all’incontro dal titolo

LA FEBBRE MEDIATICA GIUDIZIARIA
DAL CASO TORTORA AI GIORNI NOSTRI

 Nostri ospiti saranno

SALVATORE SCUTO
avvocato penalista del Foro di Milano, già Presidente della Camera Penale di Milano

PAOLO COLONNELLO
giornalista del quotidiano La Stampa

Introduce e modera l’incontro l’avv. Giulia Boccassi, Presidente della Camera Penale di Alessandria.

Nella seconda parte verrà proiettato il video tratto dal recital di Emanuele Montagna dal titolo Enzo Tortora. Storia di un galantuomo.

Feb
1
Mer
2017
Caffè Scienza – L’automobile del futuro @ Cultura e Sviluppo
Feb 1@16:30–18:00

Come sarà l’auto del futuro? Quasi sicuramente non sarà come anche le menti più visionarie la stanno immaginando: il presente è molto più avanti di ogni nostra idea del futuro. Su due aspetti possiamo ragionevolmente concordare: i motori, piaccia o no, soprattutto agli appassionati del rumore dello scoppio, non saranno più quelli di oggi e con la massima probabilità saranno di tipo elettrico; gli attori della prossima rivoluzione dell’auto, che potrebbe arrivare prima di quanto ce lo aspettiamo, ma anche molto dopo, non saranno, in gran parte, quelli attuali ma parleranno Calicinese.

Proprio in California e in Cina sta scoppiando questa rivoluzione che potrebbe portare ad un cambiamento radicale nel nostro modo di vivere il trasporto e il viaggio. Dai sistemi di guida assistita ai sistemi di guida autonoma, si stanno ampiamente dimostrando sia fattibilità che vantaggi. Il vantaggio in termini di sicurezza è certo: la stragrande maggioranza, se non la quasi totalità, degli incidenti stradali è dovuto al fattore umano. Togliere il volante agli esseri umani potrebbe essere la strategia più efficace per risolvere questo problema. Certo non sarà semplice – ci sono ostacoli legali, etici, pratici – ma la strada è ormai spianata.

Allo stesso modo un motore che non è cambiato sostanzialmente dalla sua invenzione oltre un secolo fa è qualcosa che non ha futuro: deve girare anche quando sta fermo, fa rumore anche se non fa nulla, per cambiare velocità richiede l’esecuzione di quattro manovre simultanee… Nessun alieno che arrivasse su questa terra accetterebbe di viaggiare su un derivato delle vaporiere quando ben altri sistemi più semplici ed efficaci sono già disponibili. Ultimo problema: le batterie e l’autonomia. Nessuno è perfetto ma ci si può arrivare: anzi, si deve!

Relatori
Massimiliano Avalle: dopo aver militato per oltre 20 anni al Politecnico di Torino, è ora Professore Ordinario di Progettazione e Costruzione di Macchine all’Università degli Studi di Genova. Il suo campo di ricerca principale è quello della sicurezza dei veicoli, e della protezione sia dei loro occupanti che degli altri utenti della strada (i cosiddetti VRU, Vulnerable Road Users). Tali ricerche sono state svolte nell’ambito di diversi progetti Europei e Regionali, anche in collaborazione con i costruttori ed altri soggetti attivi nella progettazione e costruzione dei sistemi di sicurezza.

Luca Ferraris: Professore Associato di Macchine ed Azionamenti Elettrici al Politecnico di Torino, ha cominciato la sua attività di ricerca con una tesi di laurea su un prototipo di veicolo elettrico, cui hanno fatto seguito svariati altri veicoli. Attualmente si occupa di motori elettrici facenti uso di materiali innovativi.

Feb
16
Gio
2017
Giovedì Culturali – Sempre e comunque a tutela delle libertà e dei diritti @ Cultura e Sviluppo
Feb 16@18:00–21:30

Laddove i principi fondamentali di un ordinamento democratico non sono ben saldi, i primi ad essere colpiti sono gli avvocati che difendono i diritti umani e i giornalisti che raccontano la violazione dei diritti stessi. In collaborazione con la Camera Penale di Alessandria, l’associazione Cultura e Sviluppo organizza un incontro per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica su alcuni Paesi, anche molto vicini a noi, nei quali gli avvocati che si spendono per la tutela dei diritti umani e i giornalisti che raccontano cosa realmente accade sono esposti ad un grave rischio di persecuzione con conseguenze infauste per la democrazia e lo stato di diritto del Paese stesso.

L’avvocato Nicola Canestrini, responsabile per conto dell’Unione delle Camere Penali Italiane del progetto “Avvocati Minacciati”, presenterà una panoramica sugli avvocati che, nel mondo, insistono e lottano per il rispetto dei diritti fondamentali, in particolar modo del diritto di difesa, e che si rifiutano di piegarsi all’ingerenza del governo divenendo soggetti a vessazioni, minacce, intimidazioni, violenze di ogni sorta ed arresti arbitrari, oltre che a processi nei loro confronti privi delle minime garanzie di difesa.

Il giornalista Marco Ansaldo parlerà della situazione della libertà di stampa nel mondo. Il controllo dei media e la deriva liberticida di alcuni governi sono tra le ragioni del declino. A causa di ideologie ostili alla libertà di informazione, la situazione per i giornalisti indipendenti è sempre più precaria. Alcuni Stati non esitano a sospendere l’accesso a Internet, altri emanano leggi per punire i professionisti dell’informazione per reati quali la blasfemia o l’insulto al presidente.

Per ragionare di questi temi, Vi invitiamo

GIOVEDI 16 FEBBRAIO 2017
ore 19,00-22,30 (con pausa buffet)

alla conferenza dal titolo

SEMPRE E COMUNQUE A TUTELA DELLE LIBERTA E DEI DIRITTI
le sentinelle dei diritti fondamentali violati: avvocati e giornalisti minacciati

Nostri ospiti, come detto, saranno

NICOLA CANESTRINI
avvocato del foro di Trento

MARCO ANSALDO
inviato di politica internazionale del quotidiano “La Repubblica”

Introduce e modera l’avvocato GIULIA BOCCASSI, Presidente della Camera Penale della Provincia di Alessandria.

Giu
1
Gio
2017
Giovedì Culturali – Giustizia, roba da ricchi. La legge è davvero uguale per tutti? @ Cultura e Sviluppo
Giu 1@17:00–20:30

L’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria negli anni si è occupata più volte delle questioni legate alla Giustizia, nei suoi diversi aspetti. Ritorneremo a trattare l’argomento nel prossimo incontro dei Giovedì culturali, nel quale sarà presentato e discusso un importante libro, Giustizia, roba da ricchi (Laterza, Roma-Bari 2017), scritto dal magistrato Elisa Pazé.

Nella quarta di copertina del volume si legge: «Altro che ‘legge uguale per tutti’: le nostre carceri sono affollate di ladruncoli e piccoli spacciatori, mentre bancarottieri e corruttori non ci finiscono quasi mai. A essere perseguiti con rigore dal codice penale sono i reati ‘di strada’: furti, scippi, rapine. Ma anche altre classiche condotte dei poveri, come raccogliere rottami abbandonati o mendicare con dei bambini. Gli illeciti commessi da ricchi e potenti invece sono trattati con indulgenza: per le violazioni societarie, bancarie e tributarie sono previste maglie larghe; l’inquinamento di quei beni – aria, acqua, suolo – che sono patrimonio comune è punito perlopiù a titolo di contravvenzione; le morti da infortunio sul lavoro comportano condanne relativamente contenute. Un pamphlet feroce contro l’iniquità del nostro sistema penale».

Per ragionare di questi temi, Vi invitiamo

GIOVEDI 1 GIUGNO 2017
ore 19,00-22,30 (con pausa buffet)

alla conferenza dal titolo

GIUSTIZIA, ROBA DA RICCHI
La legge è davvero uguale per tutti?

Nostri ospiti saranno

ELISA PAZÉ
Magistrato; sostituto presso la Procura della Repubblica di Torino

PIERO MONTI
Avvocato; Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Alessandria

GIULIA BOCCASSI
Avvocato; Presidente della Camera Penale della Provincia di Alessandria

Apr
19
Gio
2018
Serata Primo Levi: parole e musica per non dimenticare @ Cultura e Sviluppo
Apr 19@19:00–22:30

In prossimità del 25 aprile, festa della Liberazione dal nazifascismo, l’Associazione Cultura e Sviluppo organizza un’importante iniziativa in collaborazione con la Fondazione Primo Levi. Nell’ambito dei Giovedì culturali sarà infatti nostro ospite il presidente della Fondazione, il professor Fabio Levi (ordinario di Storia contemporanea presso l’Università di Torino), e con lui interverranno Roberta Mori e Domenico Scarpa, curatori del volume Album Primo Levi [Einaudi, Torino 2017], presentato nel corso della serata.

L’Album si propone di mettere in risalto gli aspetti più originali dell’opera di Levi, che – al di là della tragica esperienza del Lager – è uno scrittore di straordinaria importanza, letto oramai in tutto il mondo, ma anche un uomo di pensiero fra i più sensibili alla vita concreta di oggi. La figura dell’autore torinese sarà analizzata dagli ospiti nella sua completezza, e la sua opera – “una costellazione, ricca di luci e profondità” – presentata nei suoi tratti essenziali.

Nella seconda parte dell’incontro, poi, il gruppo Yu Kung cercherà di raccontare attraverso la musica i temi più significativi della personalità di Primo Levi e della sua produzione. Non solo il lager, dunque, ma anche la Resistenza, il rapporto con la religione e la tradizione ebraica, l’amore per la montagna, gli ideali di giustizia e di libertà.

Vi invitiamo, dunque, alla conferenza di

GIOVEDI 19 APRILE 2018
ORE 19.00 – 22.30 (con pausa buffet alle ore 20.30)

SERATA PRIMO LEVI
PAROLE E MUSICA PER NON DIMENTICARE

Come detto interverranno

FABIO LEVi – ROBERTO MORI – DOMENICA SCARPA

e nella seconda parte dell’incontro si esibirà il gruppo

Yu Kung: Primo Levi. La vita e la musica

Gen
23
Gio
2020
Giornata della Memoria – Dopo la Shoah. Un’eredità difficile @ Cultura e Sviluppo
Gen 23@19:00–22:30

L’Associazione Cultura e Sviluppo, in occasione della “Giornata della Memoria” e a conclusione di un ciclo di incontri nelle scuole superiori con gli allievi delle quinte (in continuità con l’iniziativa promossa in passato dal compianto Gian Piero Armano), organizza nel prossimo appuntamento dei Giovedì culturali una serata sul tema della “Shoah”. L’approfondimento di quest’anno avrà come titolo “Dopo la Shoah, un’eredità difficile”.

Facendo seguito ai temi degli anni scorsi sulle varie questioni legate alla distruzione del popolo ebraico in Europa – prima e durante la seconda guerra mondiale -, l’incontro si porrà l’obiettivo di individuare le strutture di medio periodo che hanno fatto seguito alla liberazione dei deportati nei centri di sterminio, e di riflettere in particolare sui processi di Norimberga celebrati contro i gerarchi del nazismo e sulle difficoltà a fare memoria degli eventi connessi.

Interverranno come relatori Agostino Pietrasanta, referente del progetto presentato alle scuole; Stefano Tessaglia, docente di storia della Chiesa; Antonella Ferraris, responsabile della sezione didattica I.S.R.A.L. Sono previste, inoltre, alcune testimonianze di studenti che hanno seguito gli incontri nelle scuole.

Dopo il buffet, alle ore 21.00, si ricorderà la figura di don Gian Piero Armano, e a seguire il concerto dei “Suoni Ribelli” nello spettacolo “Rags of light / Frammenti di luce. Poesie e canzoni di Leonard Cohen”.

Vi invitiamo dunque all’incontro di

GIOVEDI 23 GENNAIO 2020
ore 19.00 – 22.30 (con pausa buffet)

DOPO LA SHOAH. UN’EREDITÀ DIFFICILE
interventi di Agostino Pietrasanta, Stefano Tessaglia, Antonella Ferraris

ore 21.00

Rags of light / Frammenti di luce
Poesie e canzoni di Leonard Cohen

Recital – tributo a Leonard Cohen, uno dei più importanti cantautori del ‘900.
Interpreti: “I Suoni Ribelli” [Mimma Caldirola, voce; Enzo Macrì, voce, regia; Carlo Ronco, tastiere e voce; Dino Porcu, chitarra e armonica; Otello Vanni, chitarra e voce]

Feb
13
Gio
2020
Giovedì Culturali – Imputato per sempre? Il dibattito sul controverso tema della prescrizione @ Cultura e Sviluppo
Feb 13@19:00–22:30

Il tema della prescrizione dei reati è divenuto, nell’ultimo periodo, argomento di accesa discussione politica, di dibattiti televisivi e financo di dispute al bar. In realtà si tratta di un principio di civiltà giuridica, esistente in tutti gli ordinamenti democratici e che non può essere ridotto ad uno slogan propagandistico.

Per cercare di capire il fondamento dell’istituto della prescrizione nel processo penale, nonché gli effetti e le conseguenze della riforma c.d. Bonafede, in vigore dal 1 gennaio 2020, nel prossimo appuntamento dei Giovedì culturali avremo l’opportunità di sentire le voci del mondo della giustizia, ovverosia dell’Accademia, rappresentata dalla Prof.ssa Serena Quattrocolo, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, Scienze Politiche, Economiche e Sociali dell’Università del Piemonte Orientale; della Magistratura, rappresentata dal Dott. Enrico Cieri, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria, e dell’Avvocatura, rappresentata dall’avv. Lorenzo Repetti, Presidente della Camera Penale di Alessandria. Modererà gli interventi l’avv. Giulia Boccassi, Responsabile dell’Osservatorio Pari Opportunità dell’Unione delle Camere Penali Italiane, e riferimento prezioso per le iniziative dell’Associazione in ambito giuridico.

Vi invitiamo dunque

GIOVEDÌ 13 FEBBRAIO 2020
ore 19,00 – 22,30 (con pausa buffet alle 20,30)

alla conferenza dal titolo

Imputato per sempre?
Il dibattito sul controverso tema della prescrizione

Nostri ospiti, come detto, saranno

Serena Quattrocolo
Professore Ordinario di Diritto Processuale Penale e Direttore del Dipartimento DIGSPES (UPO)

Enrico Cieri
Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria

Lorenzo Repetti
Presidente della Camera Penale di Alessandria

Giulia Boccassi
Responsabile dell’Osservatorio Pari Opportunità dell’Unione delle Camere Penali Italiane

Mag
28
Gio
2020
Giovedì Culturali – Potere, diritto, libertà. Dall’Antigone di Sofocle ai giorni nostri
Mag 28@18:00–19:30

Proseguono in streaming i Giovedì culturali dell’Associazione Cultura e Sviluppo. Protagonisti del prossimo incontro, giovedì 28 maggio dalle 18 alle 19.30, saranno Nello Rossi e Livio Pepino, che, a partire dal loro libro Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo (Edizioni Gruppo Abele,Torino 2019], si confronteranno  sul tema Potere, diritto, libertà. Dall’Antigone di Sofocle ai giorni nostri.

Una delle pietre miliari della cultura classica, la tragedia Antigone di Sofocle, appunto, viene riletta alla luce degli avvenimenti più attuali, e diventa l’occasione per riflettere sul potere e i suoi limiti, sul diritto e la sua legittimità, e sulla libertà, di ciascun individuo e della comunità politica.

Nello Rossi, magistrato sino al 2018, è stato giudice del lavoro, procuratore aggiunto di Roma e avvocato generale presso la Corte di Cassazione. Già presidente di Magistratura democratica, è attualmente direttore della rivista Questione giustizia e vicepresidente del Tribunale permanente dei popoli. Livio Pepino, già magistrato, attualmente studia, e cerca di sperimentare, pratiche di democrazia dal basso e di difesa dell’ambiente e della società dai guasti delle grandi opere.

L’incontro sarà introdotto e moderato da Giorgio Barberis dell’Università del Piemonte Orientale.

Appuntamento sui nostri canali Youtube Facebook.